It

It è un romanzo horror scritto da Stephen King e pubblicato nel 1986. Considerato il capolavoro di King, It è una lunga e sinistra saga corale che si espande tra orrori inquietanti e drammi umani senza speranza, e tratta i temi che in seguito diventeranno il simbolo dell'autore: la forza soverchiante della memoria, la profonda incisività dei traumi infantili, il prezzo della violenza occultata dietro una fragile maschera di felicità, la grettezza e la bassezza umana nascosta dietro le apparenze di una ridente e piccola cittadina.

Il romanzo è la storia di sette amici provenienti dalla città di Derry, nel Maine, ed è raccontata alternando due diversi periodi di tempo.
 

Nel 1958 degli undicenni di Derry (città fittizia del Maine), auto-proclamatisi "Il gruppo dei Perdenti", si trovano uniti nel tentativo di trovare rifugio dalla banda di bulli guidata da Henry Bowers. Scoprono a turno l'esistenza di un letale mostro che modifica il proprio aspetto a seconda dei timori e delle paure della vittima designata, la quale il più delle volte si dimostra essere un bambino o una bambina, ma nonostante ciò anche un adolescente o un adulto: ad esso daranno il nome di "It" (cioè "esso", con valenza di pronome personale in inglese). Ogni sua apparizione è intervallata da un arco di tempo di 27-28 anni e si manifesta accompagnata da una serie concatenata di sanguinosi omicidi che vengono perpetrati per circa un anno, successivamente la catena di orridi eventi raggiunge il proprio culmine con una strage causata dal mostro : come ad esempio lo scoppio di una ferriera nel 1906, un incendio doloso per motivi razziali nel 1930. Nello stesso anno in cui prende inizio l'intera vicenda del romanzo, la mutilazione e l'orribile assassinio di George Denbrough, il fratello di sei anni di William (Bill) Denbrough, spinge quest'ultimo a dichiarare guerra a It ed a porsi a capo del gruppo dei Perdenti.

"It" appare alle sue vittime nella forma da loro più temuta (vampiri, lupi mannari, lebbroso, o mummie), ma tutte le sue mutazioni hanno in comune qualche particolare che riporta alla mente un sadico pagliaccio, accompagnato il più delle volte dalla presenza di variopinti palloncini (i quali hanno la prevedibile e abbastanza sfacciata funzione di "esche" da tendere alle proprie vittime) chiamato Pennywise (o Robert Gray). Dopo una lunga caccia, i Perdenti trovano il rifugio di It nelle fogne cittadine e lo attaccano, ferendolo gravemente, ma erroneamente si ritirano prima di averlo ucciso. In seguito, ferendosi le mani con il coccio di una bottiglia di coca cola, stringono un giuramento che li obbliga a tornare a combattere il mostro in caso ritorni.

Col passare del tempo tutti i ragazzi, eccetto Mike Hanlon, se ne vanno da Derry, fanno carriera in diversi campi professionali e dimenticano l'accaduto. Ventisette anni dopo, nel 1985, il bibliotecario Mike Hanlon (il ragazzo di colore rimasto a vegliare sulla città di Derry) richiama la banda per fronteggiare la nuova ondata di omicidi causati dal malefico mostro, risvegliatosi per tornare a chiedere il suo tributo di sangue e morte. Solo cinque degli altri Perdenti tornano a Derry per confrontarsi ancora una volta con il mostro: il sesto, Stanley Uris, preciso e razionale sin da piccolo, si suicida per non dover riaffrontare i suoi incubi, preferendo la morte ad un'esperienza in grado di ribaltare così profondamente la propria visione della realtà.

Tutti tranne Mike hanno avuto successo e ricchezza: Hanlon spiega questo fenomeno come un effetto collaterale dell'incontro con It, poiché il mostro cerca di tenere lontano da sé i ragazzi regalandogli il successo, ciò nonostante il ricordo della loro infelicità infantile è evidente nel fatto che nessuno di loro ha avuto figli. Anche Henry Bowers, il bullo che li aveva tormentati da ragazzi, è riemerso dal passato: ricoverato in un manicomio criminale dopo la disfatta di It, per aver falsamente confessato gli omicidi dei bambini uccisi dal mostro (tra cui i suoi fidati sgherri), viene spronato a evadere da Pennywise, che lo sfrutta per tentare - infruttuosamente - di uccidere i sei amici.

Il romanzo naviga su di un'onda fantasy (e fantascientifica) verso la fine, quando si spiegano in modo dettagliato le origini di It (che viene descritto come una sinistra cometa atterrata sul nostro pianeta ai suoi albori) ed il suo sinistro legame con Derry. Entrambe le volte, i ragazzi si affidano ad un antico rituale magico (il rito di Chüd) per abbattere le difese psichiche del terribile mostro, ma è solo da adulti che i Perdenti lo affrontano infine anche sul piano fisico, strappandogli il cuore e causandone la morte definitiva ed il crollo dell'intera città di Derry.