L'ombra dello scorpione

0
513

L'ombra dello scorpione (titolo originale: The Stand) è un romanzo post-apocalittico horror/fantasy di Stephen King, che si espande sullo scenario del suo precedente racconto "Night Surf" e delinea il crollo totale della società dopo il rilascio accidentale di un ceppo di influenza modificato per la guerra biologica.

Il virus provoca una pandemia apocalittica, che uccide oltre il 99% della popolazione umana mondiale. King ha dedicato il libro a sua moglie, Tabitha: "Per Tabby: Questo oscuro scrigno di meraviglie".

Recensione

Ho letto diversi romanzi di Stephen King nel corso dell'anno, ma non ho mai saputo di cosa fosse L'ombra dello scorpione finché non ho iniziato ad interessarmi ai romanzi post-apocalittici. Si è rivelata un'esperienza letteraria.

E' un romanzo forse non perfetto, ma comunque aspro e inquietante.

Ci sono diversi personaggi in L'ombra dello scorpione, ma non c'è un vero protagonista. È la rappresentazione della sopravvivenza di diversi immuni a Capitan Trips, un super ceppo dell'influenza che ha attraversato il 99% dell'America (presumibilmente il mondo, ma le storie sono successe tutte negli Stati Uniti). C'è Stuart, Larry, Frannie, Frannie, Harold, Lloyd, Nick, Tom, Nadine, Lucy ed io ne sto dimenticando alcune. Hanno tutti la loro storia di fondo.

Tutti i sopravvissuti sono legati da un dilemma soprannaturale dove, di notte, i loro sogni sono divisi tra una vecchia figura di santo che li invita a Boulder, Colorado e un uomo oscuro il cui scopo non è chiaro. Il bello è che queste persone esistono realmente e sembrano avere la chiave del futuro dell'umanità nelle loro mani.

L'ombra dello scorpione è un lungo romanzo. Il mercato di massa dell'edizione tascabile è di 1440 pagine. È un dettaglio importante perché cambia esteticamente il modo in cui un romanzo viene scritto. L'ombra dello scorpione non contiene il pugno emotivo di un romanzo di 300 pagine. Invece, si basa su atmosfere ricche, stratificate e scene epiche (anche se un po' prevedibili). Il primo libro de L'ombra dello scorpione (la narrazione è divisa in tre ''libri'') è particolarmente piacevole a questo proposito.

C'è una scena memorabile in un ospedale che colma il divario tra la gestione di una pandemia e la fine del mondo. Ce n'è anche una in una prigione che è al tempo stesso spettacolarmente buia e che illustra il fallimento delle istituzioni in tempo di crisi. Sia attraverso lo storytelling orientato al dettaglio e l'atmosfera densa, L'ombra dello scorpione illustra, penso meglio di qualsiasi altro romanzo che leggo, cosa significa assistere alla fine del mondo.

Il portiere del mio edificio sembra molto bene", ha detto Rita. È ancora in servizio". Gli ho dato cinque dollari quando sono uscito stamattina. Non so se gli ho dato la mancia per essere stato molto bene o per essere in servizio. Cosa ne pensi?'''''.

Davvero non ti conosco abbastanza bene per dirlo".

La lunghezza de L'ombra dello scorpione e la sua proliferazione di personaggi non viene senza una serie di problemi. Stephen King ha creato così tanti filoni narrativi in questo romanzo, che ognuno aveva il proprio mondo di possibilità impressionanti. Il problema nell'avere così tanti personaggi è che bisogna, in un certo senso, concludere la trama per ognuno di loro ed è dove L'ombra dello scorpione diventa un po' flaccido ai lati (proprio attraverso il Libro 2).

Tutte le persone che seguono Madre Abagail a Boulder alla fine formano un comitato politico per supervisionare la vita quotidiana in quella che chiamano ''zona franca'' e tutto il resto. Per un paio di centinaia di pagine. Mi ha annoiato a morte perché il libro 1 ha messo in piedi questo incredibile confronto ideologico tra il cattivo Randall Flagg e Madre Abagail e invece di svilupparlo, King è catturato questa sua proliferazione di personaggi.

Sono rimasto un po 'deluso da Randall Flagg, ad essere onesti. Il personaggio in sé è incredibile, ma Stephen King non investe molto tempo in lui. Ha un'enorme aura di pericolo e caos che lo circonda, ma in realtà non è mai più di una minaccia periferica e incombente in tutto il romanzo fino a Book 3, che inizia ben oltre la pagina 1.000.

La conclusione è abbastanza epica, ma non ho potuto fare a meno di scuotere la sensazione che L'ombra dello scorpione si sia concentrato sui personaggi sbagliati fino a quando non è stato troppo tardi. Flagg era un po' un palloncino sgonfio per impostazione predefinita.

Immagino che L'ombra dello scorpione sia una tappa obbligata se siete interessati alla finzione post-apocalittica come me. Rappresenta il disfacimento graduale della società attraverso la diffusione di una malattia ed è un processo stranamente affascinante. Qualunque cosa accada dopo il Libro 1 in realtà non importa quanto il caos che attraversa il primo terzo de L'ombra dello scorpione. Nemmeno il suo finale epico, non importa quanto sia divertente.

Questa fiction post-apocalittica è ancora nuova per me, ma difficilmente riesco a vedere come si possa ottenere uno sguardo migliore, più dettagliato sulla caduta del mondo civilizzato di quello raffigurato dal Re. Se questo non colpisce la paura di Dio (e dei germi) nel tuo cuore, non so cosa succederà.

L'ombra dello scorpione non sfugge ad alcune trappole dei romanzi di estrema lunghezza, ma il suo posto nell'eredità dei migliori romanzi di Stephen King è ben meritato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here