1922, recensione

0
95

Un romanzo meno noto dell'autore di bestseller approda su Netflix con una performance trasformativa di Thomas Jane e un crescente senso di terrore.

Chiunque cerchi i momenti spaventosi di IT troverà 1922 una forte delusione, una narrazione lenta che opta per disordinare piuttosto che per il brivido.

Ma c'è una minaccia incrollabile che indugia, un racconto di colpa e rimpianto che si fa strada sotto la pelle. Wilfred (Thomas Jane) si gode una vita semplice con la sua famiglia nella fattoria che sua moglie, Arlette (Molly Parker), ha ereditato. Ma uno stile di vita così parrocchiale non è quello che aveva in mente e un piano è stato ideato per vendere la fattoria e trasferirsi in città.

Wilfred si oppone fermamente e quando Arlette annuncia che lei andrà comunque, prendendo il figlio Henry (Dylan Schmid), lui escogita un piano tutto suo: ucciderla.

C'è una terrificante mondanità nel pensiero di Wilfred, la sua decisione di dare priorità ai desideri egoistici e al guadagno economico rispetto a sua moglie, dando al film un brivido immediato e fornendoci un insolito antieroe.

È una sfida per uno sceneggiatore costruire un film intorno a un uomo disposto a uccidere sua moglie mentre dorme, ma lo scrittore-regista Zak Hilditch riesce a tenerci sempre a bordo, accompagnando Wilfred nel suo inquietante viaggio.

Uno dei motivi per cui siamo così costretti a stare con lui è una performance trasformativa e profondamente impegnata di un quasi irriconoscibile Thomas Jane.

E' incredibilmente bravo qui, con profondità che in precedenza gli è stato tenuto nascosto (o gli è stata negata la possibilità di esibirsi), e il film è un comodo compagno di letto con l'altrettanto deprimente refrigeratore The Mist, anch'esso interpretato da Jane.

E' fin troppo facile ritrarre un personaggio come Wilfred come un buffone semplicistico, ma Jane offre una svolta attenta, studiata e seria come un uomo che cade sull'orlo del baratro e scende nella follia.

L'orribilmente inscenato omicidio della moglie è solo l'inizio, l'incidente incitante del primo atto, e il resto del film dipende dalla devastante ricaduta. Quello che è interessante del 1922 è che la narrazione non dipende da una minaccia esterna alla libertà di Wilfred (non c'è poco o nessun coinvolgimento della polizia), ma piuttosto da una minaccia interna alla sua sanità mentale.

Il suo senso di colpa si manifesta nella forma di un branco di ratti assetati di sangue, e il loro graffiarsi è uno dei tanti strumenti che Hilditch usa per sostenere un'atmosfera umida e inquieta, mentre la presa di Wilfred sulla realtà si allontana gradualmente.

Il sound design in generale è ferocemente efficace, brutale come il cosiddetto "uomo connivente" che vive all'interno di Wilfred. Ci sono temi che King ha già esplorato in precedenza, come la disarmonia coniugale, la follia crescente e la mascolinità tossica, ma il film vanta una sua forza crudele.

E' notevolmente insensibile per la maggior parte, il che rende alcuni tentativi finali di strappare l'emozione un po 'frustrante e del tutto infruttuoso.

Le storie di King spesso vacillano verso la fine e questa non fa eccezione. Il finale non è così contorto e goffo come nell'altro recente adattamento di Netflix, Gerald's Game, ma non è così inquietante come potrebbe essere, Hilditch scegliendo una rappresentazione più viscerale su qualcosa che sarebbe caduto in linea con la sottigliezza mostrata altrove.

Si tratta di un lavoro che cambia tonalità e che potrebbe quasi essere classificato come drammatico, se non per alcune immagini che si muovono sulla pelle e, mentre, per la maggior parte, questo equilibrio è gestito con abilità, non dà i suoi frutti nell'atto finale.

1922 rimane efficace grazie al lavoro rivelatore di Jane e a un irto senso di terrore, dimostrando che la lenta e marcescente disintegrazione della propria psiche è molto più spaventosa di qualsiasi clown malvagio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here